이탈리아 중부 지진및 눈사태 사건으로 발생한 사상자가 9명으로 늘었다.

하지만 아직도 " 공기 주머니"로 만들어진 생존가능 구역에 몇 몇이 더 있을 것이란 희망을 놓지 않고 있다.

구조자는 현재까지 11명이다.



Rigopiano, sale a 9 il bilancio delle vittime. Estratti i corpi di due uomini e una donna

Si spera ancora di trovare in vita qualcuno in qualche 'sacca d'aria' tra neve, detriti e strutture dell'albergo. Il bilancio attuale è di 11 sopravvissuti


Redazione ANSA FARINDOLA (PESCARA)


A cinque giorni dalla valanga che ha travolto l'hotel Rigopiano, sale a nove il bilancio ufficiale delle vittime: i vigili del fuoco hanno appena estratto altri corpi dalle macerie dell'hotel Rigopiano, due uomini e una donna. Uno dei tre corpi è quello della persona che era già stata individuata domenica e che era stata conteggiata come sesta vittima. Qualche ora prima era stato estratto dalle macerie il corpo di un'altra donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. I sopravvissuti sono 11, mentre i dispersi 20.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha auspicato "uno sforzo unitario e comune di fronte alle calamità. Le buone parole devono unire e non dividere". "Le immagini dei soccorritori che in mezzo alla tormenta salvano vite umane - ha concluso Mattarella - sono un esempio di quello che intendiamo per popolo repubblicano".

IL PUNTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLE 18.45

Per i parenti delle vittime e di chi ancora manca all'appello, però, l'attesa è ormai insopportabile. "Quelli che sono morti sono stati uccisi - si è sfogato il papà di Stefano Feniello, 28 anni, tra i dispersi - e quelli che ancora non rientrano sono stati sequestrati contro il loro volere perché volevano rientrare. Li hanno sequestrati. Avevano le valigie pronte. Li hanno riuniti tutti vicino al caminetto come carne da macello". La fidanzata del giovane, Francesca Bronzi, è salva ed è ricoverata a Pescara. La responsabilità, secondo Alessio Feniello, è "delle autorità".

E compie oggi 33 anni Alessandro Riccetti di Terni, uno dei dispersi: all'hotel Rigopiano lavorava come receptionist. Di lui, che al momento non è né nella lista delle persone salvate né in quella delle vittime identificate, non si hanno più notizie da mercoledì, quando ha avuto gli ultimi contatti con la madre. "La preghiera è l'unica cosa da fare. Vi abbraccio" scrive oggi su Facebook Antonella Maria, la madre di Alessandro, a chi in queste ore le esprime la propria vicinanza.

E intanto da alcuni documenti, evidenziati dal Forum H2O Abruzzo, risulta che l'hotel Rigopiano è stato costruito sopra colate e accumuli di detriti preesistenti compresi quelli da valanghe. Lo testimonia la mappa Geomorfologica dei bacini idrografici della Regione Abruzzo sin dal 1991, ripresa e confermata nel 2007 dalla mappa del Piano di Assetto Idrogeologico della Giunta Regionale.

Le operazioni di soccorso con decine di uomini sono proseguite anche la scorsa notte, nonostante la pioggia che anche stamani continua a cadere sulla zona. "Chi lavora in quelle condizioni - ha sottolineato il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio - lavora come se ci fossero da recuperare persone vive. La speranza c'è sempre, perché quegli eventi possono aver dato luogo a situazioni molto particolari". La pressione esercitata dalla slavina che si è abbattuta sull'hotel, ha calcolato Meteomont, ha pesato 120.000 tonnellate: come "4.000 tir a pieno carico".

Chi sono i superstiti - LE FOTO

E sono stati dimessi dall'ospedale di Pescara i due fidanzati Vincenzo Forti e Giorgia Galassi che erano arrivati nella struttura sanitaria nella notte tra venerdì e sabato. Le loro condizioni fin dall'inizio sono state giudicate buone dai medici. I due giovani di 25 e 22 anni, originari di Giulianova (Teramo) sono stati dimessi alle 11.30 dall'ospedale civile di Pescara. Lo ha dichiarato il dottor Rossano Di Luzio, dirigente medico della Asl di Pescara.

Dimessi anche Giampiero Parete con la moglie Adriana Vranceanu e i due figli, Ludovica, 6 anni, Gianfilippo, 8. In ospedale restano i due bambini Edoardo e Samuel, mentre degli adulti è rimasto solo Giampaolo Matrone, sottoposto a intervento chirurgico al braccio destro mercoledì.  l prossimo bollettino sanitario è martedì 24 gennaio, alle 16.

Intanto sono stati ritrovati vivi i tre cuccioli di pastore abruzzese, figli di Nuvola e Lupo: i carabinieri forestali li hanno scovati in buono stato tra le macerie. I genitori si erano salvati dal crollo ed erano scesi più a valle nei giorni scorsi. 

Eseguite le prime autopsie

L'allarme via email dal Rigopiano: "Clienti terrorizzati, intervenite"

Edoardo e Samuel, i bimbi rimasti soli

"Ciao zio", il saluto di Samuel appena salvato

Il punto sull'INCHIESTA 

La prima telefonata al 112

  

 'SONO VIVI' - L'AUDIO DEI VIGILI DEL FUOCO

 QUELLO SPAZZANEVE MAI ARRIVATO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

내각제인 이탈리아에서는 우리나라와 같이 대통령제가 아닌 덕분에? 렌치가 사임하자마자 바로 젠틸로니가 수상으로 취임한다.


그가 지명한 각부의 장관명단도 곧 발표될 것이다.





Gentiloni alle 17.30 salirà al Colle con la lista dei ministri

Resta aperto il nodo Farnesina-Viminale



E' il giorno dei ministri del governo Gentiloni. Il presidente incaricato dopo aver incontrato gli ultimi gruppi alla Camera nel pomeriggio alle 17.30 salirà al Colle per sciogliere la riserva con la lista dei nuovi ministri.

 "Ho cercato di conciliare l'esigenza di tempi stretti, così come indicato dalle parole di Sergio Mattarella, con quella di ascoltare tutti". Lo ha detto il presidente incaricato Paolo Gentiloni a Montecitorio. "Ho chiesto al presidente della Repubblica di essere ricevuto per illustrargli il lavoro svolto. salirò al Quirinale alle 17.30".

Intanto è serrato il confronto nel Pd che a mezzogiorno ha riunito la Direzione in via del Nazareno per l'ultimo confronto sulla crisi.

IL TIMING DEL NUOVO GOVERNO

E' il nodo Farnesina-Viminale quello che tiene impegnato il presidente del Consiglio incaricato Paolo Gentiloni nelle ultime ore prima di presentare al capo dello Stato la lista dei ministri del suo governo.

La casella degli Esteri è proprio quella che lascia vuota il nuovo premier e per la quale da ieri è in salita il nome di Angelino Alfano. Chi sostiene la candidatura dell'attuale ministro dell'Interno, ne ricorda la lunga esperienza di governo e i rapporti internazionali, maturati nei vertici del Partito popolare europeo, soprattutto con il premier spagnolo Rajoy, la cancelliera Merkel, il neo primo ministro francese, ex ministro dell'Interno, Cezeneuve, la leader britannica Theresa May. L'alternativa ad Alfano sarebbe un candidato del Pd, a partire da Piero Fassino che agli Esteri è stato sottosegretario del governo Prodi dal 1996 al 1998, poi ministro del Commercio estero con D'Alema dal 1998 al 2000. Mentre nel governo è stato ministro della Giustizia di Amato dal 2000 al 2001, prima di diventare segretario del Pd per 6 anni dal 2001 e sindaco di Torino per 5 dal 2011.

Se Alfano andasse agli Esteri, il Pd indicherebbe il nuovo ministro dell'Interno, incarico per il quale sembra favorito Marco Minniti, oggi sottosegretario ai servizi segreti. La decisione va presa in fretta, visto che Gentiloni intende salire al Quirinale nel pomeriggio per sciogliere la riserva e presentare la lista dei ministri. Intanto, Maurizio Lupi, dopo l'incontro di Area Popolare con il presidente incaricato, torna a chiedere che il Parlamento 'prenda urgentemente un'iniziativa sulla legge elettorale', senza aspettare la Consulta, e 'la maggioranza proponga e avvii la discussione con gli altri'.

Paolo Romani, presidente dei senatori di Fi, dopo l'incontro alla Camera, indica 'un cambio di tono' in Gentiloni rispetto a Renzi, annuncia 'una opposizione puntuale', ma sottolinea che 'una discontinuità vera sarebbe importante', osservando di apprezzare il fatto che 'il premier incaricato ha detto che il governo non sarà protagonista del processo di riforma della legge elettorale che sarà delegato alle forze parlamentari'. Per Forza Italia, la riforma dell'Italicum 'dovrà tenere conto dell'equilibrio tra rappresentanza e governabilità, soprattutto se si pensa che la prossima legislatura possa essere Costituente'. 'Renzi ha diviso il Paese, Gentiloni lo unisca', chiosa Brunetta.

Dal M5s, che ha deciso di non partecipare alle consultazioni di Gentiloni, un'attacco netto all'ipotesi che, con Minniti all'Interno, tocchi all'ex sottosegretario all'editoria Luca Lotti l'incarico di Autorità delegata ai servizi segreti. 'Se fosse vero, sarebbe una mossa aberrante, contro ogni equilibrio democratico, di fronte alla quale siamo pronti alle barricate', dicono i membri M5s del Copasir Crimi, Marton e Tofalo. Intanto, dalla Direzione del Pd riunita al Nazareno, il vicesegretario Guerini conferma 'piena disponibilità' al sostegno di Gentiloni, ribadendo che i Dem 'non hanno paura del voto'.

Del nuovo governo parla anche il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, che chiede a Gentiloni di 'non occuparsi solo della legge elettorale'. 'Al di là della durata di questo governo, a cui facciamo un in bocca al lupo occorre che si vada avanti nella stagione delle riforme e che non ci sia un rallentamento. Non si può pensare solo alla legge elettorale anche se è importante, bisogna stare attenti ai fondamentali del nostro Paese', dice. Mentre il Financial Time, in un editoriale, lancia un nuovo all'allarme sull'ipotesi, che pure definisce 'molto improbabile', che l'Italia esca dall'eurozona.

IL DISCORSO DI GENTILONI DOPO L'INCARICO

Il nome di Paolo Gentiloni era già da giorni nella rosa dei papabili per il nuovo governo. (LA BIOGRAFIA).  Adesso impazza il toto-nomi per il governo: ipotesi Fassino, Boschi rimarrebbe.

 Le posizioni politiche in campo - Berlusconi ha bocciato le larghe intese ma è pronto a sostenere il governo che nascerà, fino alla nuova legge elettorale. Il MoVimento 5 Stelle e la Lega hanno già minacciato l'Aventino e manifestazioni di massa. La delegazione Dem ha assicurato il pieno sostegno alle scelte del Capo dello Stato. Intanto Renzi ha scritto su Facebook un lungo post notturno: "Lascio davvero. Proveremo a ripartire per cambiare".

Il liveblog "Diario della crisi" 

"Il nostro Paese - ha evidenziato ieri il presidente Mattarella al termine delle consultazioni  - ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni.Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interne, europee e internazionali".

LE PAROLE DI MATTARELLA



Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

빈부격차가 벌어지고 있는 세계적 상황에서 이탈리아도 예외는 아니다.





이탈리아 통계청 : 남부이탈리아의 개인총소득이 중부에 비해 -44%

하지만 전년도보다는 그 간격이 줄어들었다.




Istat,Pil procapite Sud -44%rispetto al Centro Nord

Nel 2015, ma gap si riduce rispetto ad anno precedente



 Il Pil pro capite al Mezzogiorno è di 17.800 euro, più basso del 44,2% rispetto a quello del Centro-Nord. L'Istat rileva un differenziale negativo "molto ampio" ma lievemente in riduzione dal 2014 quando era del 44,5% nel 2014. In termini di reddito disponibile per abitante, il divario scende al 34,3% (35% nel 2014). Il Pil per abitante risulta pari a 33.400 euro nel Nord-ovest, a 32.300 euro nel Nord-est e a 29.300 euro nel Centro.

Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

너무 오래간만에 포스팅해본다.

한참을 비웠더니 수많은 광고성 글들만 트렉백 걸려있고.

조금이라도 글을 올려야 하는데.....

사실 왜 이 짓을 하는지 , 이젠 별로 의미도 없는데........

다른 생각말고,, 자!  또 이탈리아랑 틈나는 데로 놀아보자고.

......................................


이탈리아의 정치 혁신을 주창한 젊은 총리 렌치는 이번 국민투표 결과로 인해 사임하였다.


Renzi su Facebook: "Proveremo a ripartire e rischiare per cambiare"

"Ho lasciato Palazzo Chigi, torno a casa davvero"

Redazione ANSA

"Ho chiuso l'alloggio del terzo piano di Palazzo Chigi. Torno a casa davvero". Così Matteo Renzi, in un lungo post pubblicato a notte fonda su Facebook. "Mi sono dimesso. Sul serio. Non per finta. Lo avevo detto, l'ho fatto. Di solito si lascia Palazzo Chigi perché il Parlamento ti toglie la fiducia. Noi no. Noi abbiamo ottenuto l'ultima fiducia mercoledì, con oltre 170 voti al Senato. Ma la dignità, la coerenza, la faccia valgono più di tutto. In un Paese in cui le dimissioni si annunciano, io le ho date".   

"Sono stati mille giorni di governo fantastici. Qualche commentatore maramaldo di queste ore finge di non vedere l'elenco impressionante delle riforme che abbiamo realizzato, dal lavoro ai diritti, dal sociale alle tasse, dall'innovazione alle infrastrutture, dalla cultura alla giustizia. Certo c'è l'amaro in bocca per ciò che non ha funzionato", prosegue Renzi, annunciando di aver lasciato Palazzo Chigi: "Ho mantenuto l'impegno, come per gli 80 euro o per l'Imu. Solo che stavolta mi è piaciuto meno".

"Torno a Pontassieve, come tutti i fine settimana. Entro in casa, dormono tutti. Tutto come sempre, insomma. Solo che stavolta è diverso. Con me arrivano scatoloni, libri, vestiti, appunti. Ho chiuso l'alloggio del terzo piano di Palazzo Chigi", prosegue Renzi. "Torno semplice cittadino. Non ho paracadute. Non ho un seggio parlamentare, non ho uno stipendio, non ho un vitalizio, non ho l'immunità. Riparto da capo, come è giusto che sia. La politica per me è servire il Paese, non servirsene", sottolinea. 

"Ai milioni di italiani che vogliono un futuro di idee e speranze per il nostro Paese dico che non ci stancheremo di riprovare e ripartire. Migliaia di luci brillano nella notte italiana. Proveremo di nuovo a riunirle. Facendo tesoro degli errori fatti ma senza smettere di rischiare: solo chi cambia aiuta un Paese bello e difficile come l'Italia". Lo scrive su Fb Matteo Renzi. "Noi siamo quelli che ci provano davvero. Che quando perdono non danno la colpa agli altri. Che pensano che odiare sia meno utile di costruire. Insieme".

"C'è tanta delusione per la riforma costituzionale. Un giorno sarà chiaro che quella riforma serviva all'Italia, non al Governo e che non c'era nessuna deriva autoritaria ma solo l'occasione per risparmiare tempo e denaro evitando conflitti istituzionali. Ma quando il popolo parla, punto. Si ascolta e si prende atto. Gli italiani hanno deciso, viva l'Italia", aggiunge Renzi. 

"Ho sofferto a chiudere gli scatoloni ieri notte, non me ne vergogno: non sono un robot. Ma so anche che l'esperienza scout ti insegna che non si arriva se non per ripartire. E che è nei momenti in cui la strada è più dura che si vedono gli amici veri, l'affetto sincero. Grazie a chi si è fatto vivo, è stato importante per me", scrive il presidente del Consiglio dimissionario. Renzi pero' conferma l'impegno in politica: "Ci sentiamo presto, amici", è la promessa con cui chiude il messaggio.   

"A chi verrà a Chigi dopo di me, lascio il mio più grande augurio di buon lavoro e tutto il mio tifo: noi siamo per l'Italia, non contro gli altri", conclude Renzi.


Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요


컨벤션은 산업이다.

밀라노에서 개최된 유로 쿠치나를 다녀왔다.


말펜사 공항에서 스포르차 궁 근처에 있는 호텔까지 택시 편도 100유로

별 3개짜리 작은 호텔이 1박에 우리돈 20만원 이상.

행사장 입장료가 4만원

.........


우리나라의 일반적인 박람회에서 보는 ,

많은 입장객을 위한 노력과 더불어 참석자 모두에게 많은 돈을 쓰게 만드는 이태리 박람회.






물론 다른 곳에서 볼 수 없는 최고의 물품들을 가졌다는 자신감이 있어야겠지만.

컨벤션을 통해 직접적으로 벌어들이는 수익이 가히 놀랄만하다.

우리도 이정도 수준의 컨벤션이 많이 생기면 좋겠다.


SaloneSatellite



국내에 소개되지 않은 좋은 제품들을 찾으려 이틀동안 발에 물집이 생기도록 돌아다녔다.



역시 디테일에 촛점을 둔 전통적인 제품들이 있었고, 대부분은 모던한 미니멀리즘적 분위기가 주류를 이뤘다.























Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

이번 국정원 사건의 당사자인 '해킹 팀'은 이탈리아 기업이다.

밀라노에 본사를 둔 이 기업의 원거리 조종 소프트웨어 '갈릴레오' 제품이 관련된 사건으로

한국의 007 기관원이 자살한 사건을 다룬 기사이다.

 

 

 

IL GIALLO A SEUL

 

«Suicida 007» accusato di spiare per il presidente sudcoreano con Galileo

Il software spia di Hacking Team al centro delle indagini. Si può considerare come la prima vittima collegata al caso oggetto di indagine. In un biglietto negava i fatti

di Massimo Sideri

 

 

 

 

Si può considerare il primo morto collegato direttamente al caso Hacking Team, la società milanese che vendeva il software spione «Remote Control System Galileo» ai servizi segreti e polizie di governi di mezzo mondo e i cui dati sono stati messi in Rete due settimane fa dopo un attacco: nel fine settimana un esperto informatico dei servizi di intelligence della Corea del Sud è stato trovato morto nella sua automobile a Yongin, provincia di Gyeonggi, vicino a Seul. Secondo la polizia locale si tratterebbe di suicidio (è morto per asfissia). Lo «007» 45enne di cui è emerso solo in nome di battesimo, Lim, era stato accusato di usare Galileo per spiare smartphone e computer di cittadini sudcoreani, inclusi alcuni oppositori del governo guidato da Hwang Kyo-ahn. Vicino al cadavere è stato trovato un biglietto in cui Lim negava l’accusa. Ma ora il giallo si fa più denso: secondo il «Korean Times», sul biglietto c’era scritto: «Non c’era sorveglianza sui cittadini e gli affari delle elezioni». Ed elezioni è una parola che apre mille porte.

Il processo che porta al presidente

I sospetti a causa di quella parola portano direttamente al presidente sudcoreano in carica Park Geun-hye : proprio in questi mesi si sta tenendo un processo contro l’ex capo dei servizi segreti, accusato di aver spiato i rivali di Park Geun-hye durante la campagna elettorale del 2012 che lo ha visto poi emergere vincitore. Durante quel periodo erano state orchestrate delle campagne sui pretendenti alla poltrona presidenziale usando informazioni personali. A complicare le cose c’è il fatto che Lim avrebbe cancellato delle informazioni «controverse» prima di commettere suicidio.

 

Il cliente di Hacking Team

Tra i clienti della società milanese era già emersa la presenza della South Korean Army Unit 5163 considerato uno degli uffici di copertura dei servizi segreti. La scorsa settimana, subito dopo il «leak», l’agenzia nazionale di Intelligence, Nis, aveva confermato di essere tra gli acquirenti del «malware» milanese, aggiungendo però che le operazione di intercettazione erano state indirizzate verso la Corea del Nord del leader supremo Kim Jong-un. Secondo la stampa coreana Lim era stato coinvolto nell’acquisto del software, anche se facendo una ricerca con il solo nome non si trova nulla sui file messi in Rete da Wikileaks. Il Nis ha affermato che Lim era probabilmente in uno stato di panico dopo non aver dormito per 4 giorni». È difficile che il giallo possa chiudersi qui.

 

 

 

 

 

 

Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

 

유럽 경제 위기로 인해서 늘어나던 경제적 빈곤층 수가 412만명 선에서 멈추었다.

준비되지 않은 경제 구조의 변화는 정보 약자들에게 더 많은 고통을 안겨주었다.

 

앞으로도 효율성과 기계화로 이어지는 경제구조 현대화 과정은 더 많은 실업자와 기득권을 가지지 못한 계층에게

충격파을 발생시킬 것으로 보인다.

 

 

Istat: dopo 2 anni di aumento si ferma indice povertà famiglie. Renzi: "Svolta ma ancora molto da fare"

Indigenti 4mln 120 mila persone,Sud resta il più povero con 8,6%

 

 

 

Dopo due anni di aumento, nel 2014 l'incidenza della povertà assoluta in Italia si mantiene sostanzialmente stabile. Lo rileva l'Istat nell'indagine sulla spesa delle famiglie: 1 mln 470mila famiglie (5,7% di quelle residenti) è in condizione di povertà assoluta (4 mln 102mila persone). Stabili gli indici sul territorio con il 4,2% al Nord, il 4,8% al Centro e l'8,6% al Sud.

 

 

 

 

Renzi soddisfatto - "L'Italia - è il commento del premier Renzi - ha oggettivamente svoltato ma c'è ancora tanto da fare. Se manteniamo il ritmo sulle riforme avremo dati di crescita significativi". "E' una buona notizia ma sarò felice quando vedrò dati di crescita superiori allo 0,1".

Secondo l'Istat dunque oltre 4 milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta. Di queste, 1 milione 866 mila risiedono nel Mezzogiorno (l'incidenza è del 9%) e 2 milioni 44mila sono donne (il 6,6%), 1 milione 45 mila minori (il 10%), 857 mila hanno un'età compresa tra 18 e 34 anni (8,1%)e 590 mila sono anziani (pari al 4,5%). Come quella assoluta, anche l'indice di povertà relativa risulta stabile e coinvolge, nel 2014, il 10,3% delle famiglie e il 12,9% delle persone residenti, per un totale di 2 milioni 654 mila famiglie e 7 milioni 815 mila persone. Anche per la povertà relativa si conferma la stabilità al Nord, al Centro e al Sud e il miglioramento della condizione delle famiglie con a capo una persona in cerca di occupazione (l'incidenza della povertà relativa passa dal 32,3% al 23,9%, con un -8,4%) o residenti nei piccoli comuni del Mezzogiorno (dal 25,8% al 23,7%).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

이탈리아 전직 총리 실비오 베를루스코니가 상원의원직을 매매한 이유로 3년 징역 선고를 받았다.

 

 

  • Compravendita senatori, Berlusconi e Lavitola condannati a 3 anni di reclusione
  • Compravendita senatori, Berlusconi e Lavitola condannati a 3 anni di reclusione

    Ex premier: assurda sentenza politica. Prodi: sarei ancora premier, lesa la democrazia

     

     

    Silvio Berlusconi è stato condannato dal Tribunale di Napoli a tre anni di reclusione per corruzione nel processo per la compravendita dei senatori. Alla stessa pena è stato condannato anche Valter Lavitola.

    "Prendo atto di una assurda sentenza politica al termine di un processo solo politico costruito su un teorema accusatorio risibile. Resto sereno, certo di aver sempre agito nell'interesse del mio Paese e nel pieno rispetto delle regole e delle leggi, così come continuerò a fare": così Silvio Berlusconi che parla di "persecuzione giudiziaria" per ledere la sua "immagine di protagonista della politica".

    "E' una sentenza che riteniamo clamorosamente ingiusta e ingiustificata". Lo ha detto l'avv. Niccolò Ghedini, difensore di Silvio Berlusconi, sottolineando che il processo si prescriverà il 6 novembre. Nonostante la prescrizione Ghedini ha espresso l'auspicio che la Corte di Appello assolva Berlusconi nel merito.

    "Non commento le sentenze. Prendo atto delle sentenze. Prendo atto che questa sentenza ha condiviso la tesi accusatoria": lo ha detto il Procuratore di Napoli, Giovanni Colangelo, interpellato dall'ANSA sulla sentenza di condanna di Silvio Berlusconi e Valter Lavitola.

    "Non mi sono costituito parte civile perché ritengo che sia stata lesa la democrazia e non la mia persona". Così l'ex presidente del Consiglio Romano Prodi all'ANSA, rispondendo a una domanda sul mancato ingresso nel processo come parte offesa. "C'erano delle voci, ma, come dissi al giudice, non ne sapevo nulla. Se lo avessi saputo sarei ancora presidente del Consiglio".

     

    Posted by Ginani

    댓글을 달아 주세요

    유럽의 경기가 살아나고 있다.!!

    환율의 급격한 변동이 일어나고 있는 가운데, 이탈리아 자동차 시장에서 3월 제 1사분기 자동차 등록대수가 13프로가 넘는 증가세를 보였다. 3월만 본다면 무려 15프로 가 넘는 신장세이다.

     

    이탈리아 소식을 전하면서 이렇게 긍정적인 지표를 보기는 참으로 오랜만이다...

     

     

     

    Auto: accelera mercato Italia, +15% a marzo

    Nel primo trimestre dell'anno +13,46% immatricolazioni

     

    Le nuove Jeep e le Fiat 500 X nei piazzali dello stabilimento di Melfi (Potenza) © ANSA
    Le nuove Jeep e le Fiat 500 X nei piazzali dello stabilimento di di Melfi (Potenza)

     

     

    Il mercato italiano dell'auto accelera: a marzo, secondo i dati del ministero dei Trasporti, è cresciuto del 15%. Le immatricolazioni sono state 161.303. Nel primo trimestre dell'anno le consegne sono state 428.464, il 13,46% in più dello stesso periodo del 2014. 

    Fiat Chrysler Automobiles ha consegnato a marzo 45.960 vetture, il 17,1% in più dello stesso mese del 2014, un incremento maggiore di quello del mercato. La quota è salita dal 28% al 28,49%. Nel primo trimestre le consegne sono state 121.098, in crescita del 14,3% sull'analogo periodo 2014 con una quota pari al 28,26% (era 28,06%).

    Fca: miglior risultato da 34 mesi, primi 5 modelli gruppo - Fiat Chrysler Automobiles ha ottenuto a marzo un risultato migliore rispetto a quello del mercato: con 46 mila immatricolazioni ha aumentato le vendite del 17,1%. E' il migliore risultato da 34 mesi. Ancora una volta le prime cinque vetture più vendute in Italia sono modelli Fca: Panda, 500L, 500, Ypsilon e Punto. In crescita Fiat (+15,9%) e soprattutto Jeep che registra un incremento del 249,3% nel mese e quasi del 300% nei 3 mesi.

       

     

    Posted by Ginani

    댓글을 달아 주세요

    지난해 연말 이탈리아 공식 실업률은 더 올라 역사상 최고치를 기록하였다.

    심지어 11월 청년실업은 43.9%로 더 이상 견디기 힘든 상황이 계속되고 있다.

     

    노동에 근거하지 않는 자본증식 방법의 발전은 자본의 독립적 잉여생산을 부추기며,

    합리성과 과학성이란 이름하에 벌어지는 현대의 투자는 사람을 제외하며, 노동을 지속적으로 전반적인 생산관계에서 이탈시키도록 부추기고 있다.

    결국 지속가능한 노동시장에서 새롭게 나오는 기회는 노동의 단기성 기획 상품화되어 가고,

    국가와 권력과 결탁한 소득의 불균형 배분에 결정타를 주고 있다.

     

    얼마되지는 않지만 실재로 만난 이탈리아 사람들이 이야기하는 실업의 현상은 이미 두뇌유출 수준을 너머

    생존의 문제로 인식되고 있다고 전한다.

    ..........

    Disoccupazione novembre a 13,4%, è record storico

    Giovani senza lavoro a novembre 43,9%, mai così alta

     

     

    Lavoratori disoccupati manifestano © ANSA

     

     

    Il tasso di disoccupazione a novembre sale ancora, raggiungendo quota 13,4%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto ad ottobre. Lo comunica l'Istat nelle stime. Si tratta del massimo storico, il valore più alto sia dall'inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, ovvero dal 1977 (37 anni fa). 

    Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni a novembre balza al 43,9%, in rialzo di 0,6 punti percentuali su ottobre. Il dato è sempre dell'Istat. E' il valore più alto mai registrato sia dall'inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia di quelle trimestrali, ovvero dal 1977. Risultano in cerca di un lavoro ben 729mila under25.

    Mentre in Germania scende al minimo storico: a dicembre il tasso è sceso al 6,5% e il numero dei senza lavoro è calato di 27.000 unità contro le 5.000 attese dagli economisti.

    Occupati a novembre, -48 mila in un solo mese - Gli occupati a novembre scendono dello 0,2% rispetto a ottobre. Lo comunica l'Istat nelle stime. Si contano così 48 mila occupati in meno in un solo mese. Si tratta del secondo ribasso consecutivo. Il loro numero cala anche su base annua, sempre dello 0,2% (-42mila). - Gli occupati a novembre scendono dello 0,2% rispetto a ottobre. Lo comunica l'Istat nelle stime. Si contano così 48 mila occupati in meno in un solo mese. Si tratta del secondo ribasso consecutivo. Il loro numero cala anche su base annua, sempre dello 0,2% (-42mila).

    Giù inattivi, oltre 300mila in meno in un anno - Il tasso di inattivi a novembre resta fermo al minimo storico del 35,7%. Lo rileva sempre l'Istat. In un anno il numero di coloro che non sono occupati né cercano un lavoro è sceso di 312mila. La tendenza degli ultimi mesi sembra quindi associare a un calo dell'inattività e dell'occupazione un aumento della disoccupazione.

    Giovani disoccupati, salgono di 63mila in un anno - Il numero di giovani disoccupati (15-24anni), pari a 729mila, sale di 18 mila unità nell'ultimo mese (+2,5%) e di 63mila rispetto a dodici mesi prima (+9,4%). Lo rileva l'Istat diffondendo i dati provvisori per novembre. Guardando all'altra faccia della medaglia, gli occupati under25, a quota 934mila, restano fermi su base mensile, mentre calano di 8 mila nel confronto annuo (-0,9%).

    Posted by Ginani

    댓글을 달아 주세요