21/04/2008 13:47:48 BERLUSCONI: "SUL GOVERNO DECIDO IO, CI SARANNO SORPRESE" Il premier in pectore frena sulle notizie di ministeri già assegnati: "Deciderò negli ultimi giorni, quando avrò il quadro completo"




"Sulla squadra di governo ci saranno sorprese". Lo ha detto il premier in pectore Silvio Berlusconi commentando le notiziecircolate dopo il vertice di ieri con la Lega. Lo stesso Bossi aveva annunciato di avere ottenuto per sé il ministero delle Rifrome, la poltrona chiave degli Interni andrebbe a Roberto Maroni, Calderoli sarebbe vicepremier e il veneto Luca Zaia ministro delle Politiche agricole. Oggi però Berlusconi frena, e, intervenendo via telefono al Mediolanum Market Forum, spiega: "Non ci sono cose certe e definite, tutto si concluderà quando avrò pronto l'intero panorama di sessanta persone per la squadra di governo". Il leader del Pdl, che oggi incontrerà anche il governatore della Lombardia Roberto Formigoni, ha precisato: "Stiamo sentendo tutti. La decisione la prenderò io negli ultimi giorni utili, e sarò io a presentare la squadra al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Credo che ci saranno sorprese". Berlusconi ha poi sottolineato le difficoltà della situazione economica ma si è detto convinto che proprio dalle difficoltà possano emergere grandi opportunità: "Nei momenti di crisi, ha spiegato, è necessaria una visionaria follia".

" 새로운 내각에는 놀라운 인물도 포함 될 것입니다." 다음 총리 당선자인 실비오 베를루스코니는 어제 북부 연합의 수장 보씨와 회담을 갖은 이후 회자되고 있는 이야기에 대해서 언급하였다.
보씨역시 자신이 개혁부 장관자리를 확보하였다고 밝혔고, 내무부 장관에는 로베르토 마로니(Roberto Maroni)가 내정되었으며, 부총리에는 칼데롤리(Calderoli) 그리고 농업정책 장관에는 베네토주 출신인 루카 자이아(Luca Zaia)가 맡게 될 것이라고 하였다.
그런데 오늘 베를루스코니는 이런 이야기들이 당연시 여겨지는 것을 방지하려고 메디올라눔 마켓 포룸(Mediolanum Market Forum) 프로그램에 전화 출연하여 설명하기를 " 확실하게 결정된 것은 없다. 모든 내각 결정은 내가 60명의 정부요인 인선을 마치고 나서 전체적으로 고려하여 결정될 것이다" 라고 밝혔다.
한편 Pdl(이번 총선 우파 연합전선인 Popolo della liberta') 의장인 베를루스코니는 오늘 또한 롬바르디아 주지사인 로베르토 포르미고니(Roberto Formigoni)와 회담을 갖기로 하는등 " 지금은 모든 사람들의 견해를 듣고 있다. 최종 결정은 마지막 유용한 며칠동안 내가 결정해서 공화국 대통령인 조르조 나폴리타노(Giorgio Napolitano)에게 제출할 것이다. 그리고 조각구성원들 속에는 놀랄만한 인물도 포함될 것이다"라고 하였다.
한편 베를루스코니는 현재 경제 상황이 매우 어렵다고 강조하면서 그러나 바로 어려움 속에서 커다란 기회가 태어난다는 것을 확신한다고 말하였다.
그리고 " 위기의 순간에는 예언적인 광기(visionaria follia)가 필요하다고 덧붙였다.
Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

18/04/2008 19:38:52 BERLUSCONI INCONTRA PUTIN: "SU ALITALIA POSSIBILE TAVOLO CON AEROFLOT" I due leader rilanciano le relazioni tra Russia e Italia. E sui rapporti con la Lega il Cavaliere dice: "Con Bossi nessuna frizione"



Se la trattativa con Air France si chiuderà per Alitalia si potrà aprire un tavolo con Aeroflot per una eventuale partnership. Lo ha detto il presidente del Consiglio in pectore Silvio Berlusconi nella conferenza stampa tenuta con il presidente russo Vladimir Putin, che gli ha fatto visita in Sardegna. Il Cavaliere ha spiegato che una trattativa con Aeroflot potrà portare ad ulteriori accordi per la creazione di un gruppo internazionale di prestigio. Sull'ipotesi di un prestito-ponte Berlusconi ha detto che pero quello che conta è salvare Alitalia come compagnia di bandiera. Putin ha confermato che "Aeroflot" è disponibile a riprendere i contatti con Alitalia. Molti altri gli argomenti affrontati. Berlusconi si è detto convinto che si debba rinunciare alla pratica dei visti tra Russia e paesi dell'Unione europea e ha detto che i nostri militari resteranno in Libano e non ci saranno cambiamenti sulle regole d'ingaggio. Infine, sul tema energia, i due leader hanno annunciato l'intenzione di ampliare collaborazione tra Eni e Gazprom. Infine Berlusconi ha fatto riferimento ai rapporti con la Lega: "C'è la normale dialettica politica quando si sta formando un nuovo governo" ha detto, aggiungendo: "I rapporti con Bossi sono straordinari, non ci sono frizioni. Ci vedremo domenica o lunedì".

에어프랑스와 결렬된 알이탈리아 매매협상이 잘하면 러시아의 아에로플롯(Aeroflot)과 재개될 기미를 보인다. 차기 총리 당선자인 실비오 베를루스코니는 사르데냐를 방문중인 러시아 수상인 블라디미르 푸틴과 회담하기로 한 장소에서 갖은 기자회견에서 이렇게 밝혔다.

또한 베를루스코니는 아에로플롯과의 협상이 시작되면 국제적인 명성이 높은 항공사 그룹들도 콘소시엄을 이루어 협상의 조건을 내걸 것으로 기대하고 있다고 밝혔다. 연계회계의 가정하에서도 가장 먼저 고려되어야 할 것은 역시 알이탈리아의 국적을 살리는 것이라고 하였다.즉 이탈리아 국가를 대표하는 항공사로 명목은 유지하겠다는 뜻이다.
한편 푸틴은 "아에로플롯"은 알이탈리아 측과 협상할 준비가 되어 있슴을 밝히면서 또한 다른 의제들도 상당수 거론하였는데, 베를루스코니도 이에 호응하며, 유럽공동체와 러시아의 관계와 중동에서 활동, 에너지 문제 특히 에니(Eni)와 가스프롬(Gazprom)간의 협력 증대 방안에 대해서 언급하였다....
그리고 국내 정치 문제로 보씨와의 관계는 아무런 알력이 없다고 해명하였다.
Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

» 2008-04-01 23:42
SCINTILLE TRA BERLUSCONI E QUIRINALE, E' POLEMICA

실비오 베를루스코니와 죠르죠 나폴리타노 사이에 긴장이 고조되고 있다.
베를루스코니가 일간지 " 일 템포"와 가진 포럼에서 자신은 이전 대통령인 카를로 아젤리오 챰피가 대통령으로 제직하던 시기에는 공화국 대통령 직에 대한 반감을 가지고 있었슴을 비치는 예기를 했다. 이에대해서 즉각 퀴리날레 궁(현직 대통령 공관이름)은 중도우파를 향해 반응을 보였다.
따라서 베를루스코니는 나폴리타노 대통령에게 직접 전화를 걸어 내용 설명을 하면서 관계를 복원시키고자 노력하였다.
이런 껄꺼러운 외교적 발언 사건이 발생한 것은 베를루스코니가 포럼의 서두에서 밝힌 말 때문에 발발하였는데 그는 "우리가 잘 알고 있다시피 총리가 한 모든 결정들이 정치적으로 반대편인 정부수반의 까다로운 검열을 거쳐야만 한다 나는 카를로 아젤리오 챰피 전 대통령과의 관계를 기억하고 있다......"  고 말하였다.
베를루스코니는 행정부의 권력을 강화하는 중도우파가 주도한 헌법 개정안이 거부된 것을 두고 하는 말이다.하지만 최종 부결은 당시 야당의 주장으로 실시된 국민투표의 결과였다.
이에 대해 대통령 궁은 베를루스코니의 발언을 비난하면서 이탈리아 공화국의 대통령의 공평무사함을 다시한번 확인하였다..........

   

Alta tensione tra Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano. Una battuta del leader del Pdl durante il forum con il quotidiano "Il Tempo" sulla presunta ostilità della presidenza della Repubblica, ai tempi di Carlo Azeglio Ciampi, verso il centrodestra, ha fatto scattare la reazione immediata del Quirinale. Berlusconi ha dovuto chiamare Napolitano al telefono per cercare di spiegarsi e ricucire. L'incidente diplomatico è scoppiato per una previsione di Berlusconi: "Sappiamo che ogni decisione del Consiglio dei ministri dovrà passare per le forche caudine di un capo dello Stato che sta dall'altra parte. Ricordo i rapporti con Carlo Azeglio Ciampi...". Berlusconi stava parlando della mancata approvazione della riforma costituzionale voluta dal centrodestra, che avrebbe rafforzato il potere dell'esecutivo, ma è stata poi bocciata dal referendum promosso dall'opposizione.

Quasi immediata la replica del Colle, affidata a una nota ufficiale del Quirinale, nella quale si biasima, senza citarlo, l'intervento di Berlusconi e si ribadisce l'imparzialità della presidenza della Repubblica, chiunque sia il suo inquilino: "La presidenza della Repubblica - vi si legge - chiunque ne fosse il titolare, ha sempre esercitato una funzione di garanzia nell'ambito delle competenze attribuitele dalla Costituzione senza mai sottoporre a interferenze improprie le decisioni di alcun governo, e considera grave che le si possano attribuire pregiudizi ostili nei confronti di qualsiasi parte politica". Parole dure, che costringono Berlusconi a chiamare subito Napolitano e a chiarire che le sue critiche si riferivano unicamente a Ciampi. "Mi riferivo al fatto che in cinque anni di governo abbiamo avuto un rapporto dialettico con il capo dello Stato Ciampi. Non c'entra niente Napolitano, con cui ho un ottimo rapporto e a cui porto affetto e stima che so essere condivise", aveva detto infatti lasciando la redazione del 'Tempo'.

Più tardi, lasciando gli studi della Rai dopo la prima 'Conferenza stampa' televisiva, il Cavaliere è tornato sulla telefonata con il capo dello Stato: "Non c'era nulla da chiarire. Con questo presidente della Repubblica ho manifestato rispetto e stima e sono sicuro, me lo ha confermato anche stasera, che ci sono gli stessi sentimenti da parte sua. Quindi - ha detto ai ai giornalisti - non create casi che non esistono. Quanto al fatto che ci sia stato un rapporto dialettico tra me e il presidente Ciampi lo sanno tutti. Abbiamo avuto molte occasioni di divergenze poi superate nel rispetto reciproco". Ma la versione di Berlusconi non convince affatto il suo principale avversario politico. "La smentita oggi è stata brutta - ha detto in tv il leader del Pd - perché attaccare il capo dello Stato è una cosa che ci riporta indietro in questo quindicennio appena passato, dal quale noi vogliamo uscire". Nonostante le precisazioni di Berlusconi, d'altra parte, la polemica si era subito innescata. "Non si può affidare il Paese a un uomo che passa le giornate a dire cose e a smentirsi un minuto dopo, ad attaccare tutto e tutti, a cominciare dal presidente Napolitano e dal presidente Ciampi", ha detto il numero due del Pd Dario Franceschini. Mentre Anna Finocchiaro ha sostenuto che "scherzare con le istituzioni, come fa Berlusconi, non è accettabile". Pier Ferdinando Casini ha censurato le parole del candidato premier del centrodestra: "Non serve al Paese - ha osservato - la riapertura di una nuova stagione di conflitti istituzionali. Speriamo che Berlusconi se ne renda conto".

A soccorso di Berlusconi arriva il leghista Roberto Calderoli, che giura sull'intenzione del leader Pdl di criticare Ciampi ma non Napolitano, che rispetto a Scalfaro e Ciampi "ha dimostrato di essere di un'altra pasta". A sostegno della sua interpretazione, Calderoli si profonde in un peana dell'attuale capo dello Stato: le sue scelte, in particolare il modo con cui ha sciolto le Camere dopo la caduta del governo Prodi, " hanno testimoniato il suo ruolo super partes mai venuto meno nonostante i tentativi di tirarlo per la giacca. E questo rappresenta la nostra miglior garanzia per il presente ed il futuro".
Posted by Ginani

댓글을 달아 주세요

Parigi | 22 marzo 2008
Le Monde: per non perdere i voti del Nord Berlusconi rifiuta l'offerta di Air France
Le Monde sorpreso da Confindustria
 

 
 
빠리의  르 몽드지의 알 이탈리아와 관련된 기사의 머릿기사를 "에어프랑스-케이엘엠 측이 알이탈리아를 사려고 했던 일이 매우 심각하게 꼬여져 버렸다"고 전하면서베를루스코니가 북부에서 표를 잃지 않으려고 에어프랑스의 제안을 거부하고 있다고 기사를 냈다.
 
 
"L'acquisto di Alitalia da parte di Air France - Klm si complica seriamente". Cosi' 'Le Monde' intitola un articolo dedicato alla vicenda Alitalia e nel quale evidenzia come la questione degli esuberi previsti dall'offerta del gruppo franco-olandese, " si complica con l'ipoteca della politica, a tre settimane dalle elezioni italiane del 13 e 14 aprile".
"E' difficile" per il candidato premier del centrodestra, Silvio Berlusconi, "in piena campagna elettorale", scrive il quotidiano francese, "accettare tale e quale il piano di ripresa di Air France - Klm, in particolare perche' prevede un disimpegno dell'aeroporto di Milano-Malpensa a favore di Roma-Fiumicino".

Per Berlusconi e' difficile "non condividere il parere del suo alleato, la Lega Nord, e soprattutto, del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, un peso massimo del proprio partito, Forza Italia, che chiede una 'moratoria' di tre anni per la soppressione delle rotte non redditizie. Per non perdere il Nord, il suo serbatoio di voti, 'il Cavaliere' ostenta la sua resistenza" all'offerta di Air France - Klm.
Ancora piu' sorprendente, scrive il quotidiano, "e' la posizione della Confindustria, che si e' pronunciata a favore di una moratoria per salvare Malpensa. Come dire, sara' compito della futura Alitalia, azienda privata quotata in borsa, continuare a sfruttare rotte deficitarie, ossia perdere volontariamente soldi, fino a quando le autorita' politiche e il gestore dell'aeroporto milanese troveranno delle soluzioni alternative. Da qui il commento sarcastico di Spinetta che giovedi' ha affermato: 'credevo che gli aeroporti erano al servizio delle compagnie e non il contrario"'.
Posted by 비회원

댓글을 달아 주세요

Roma | 20 marzo 2008
Padoa Schioppa: chi vuole Alitalia si faccia avanti. Berlusconi: Intesa interessata
Tommaso Padoa-Schioppa
 
 
이탈리아 재무장관인 톰마소 파도아-스키오파는
"알 이탈리아 항공사에 관심을 가진 자들은 공식적이고 구체적인 안을 발표해달라. 이제 남아있는 시간은 거의 없다"고 말하면서 "최근에 이탈리아 기업가들이 알이탈리아를 살리겠다고 합의한 가정안들에 대한 구체적인 내용을 제시할 것"을 요구하였다.
 
이탈리아 국영 항공사인 알이탈리아는 계속되는 적자를 감당하지 못하고 파산위기에 놓여 있는지가 오래되었지만, 에어프랑스-케이엘엠 콘소시엄 이외에는 구제방안이 없는 가운데 이탈리아 인들은 구겨진 자존심을 끝까지 지키겠다는 의지로 자국 항공사를 자국 기업인들이 살리겠다고 말하고 있다. 하지만 국제적으로 가장 강력한 노동조합이 있는 나라에서 노동 승계문제와 획기적인 경영쇄신을 위한 구체적인 방안은 내놓지 못한 상태에서 총선을 앞두고 이탈리아 내부에는 여러가지 가정들이 난무하고 있는 가운데 특히 중도 우파의 수장이자 이탈리아의 최고 부자인 베를루스코니가 주동이 되어 국내 기업가들의 공동 인수안이 도출될 수 있다고 하면서 매각과정이 혼선을 겪고 있다.
 
"Chi è interessato ad Alitalia si faccia avanti con atti formali e atti concreti. I tempi sono ormai strettissimi". E' quanto afferma il ministro del'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, in relazione a "recenti dichiarazioni su ipotetiche cordate di imprenditori italiani a rilevare Alitalia".

"I tempi ormai strettissimi sono dettati dalla condizione della compagnia e non possono dipendere dal calendario politico". Si rischia di "distruggere una
possibilità di vendita anziché costruirne una nuova".

Già questa mattina, fonti sindacali avevano fatto sapere che secondo il ministro l'unica proposta seria per il rilancio di Alitalia è quella di Air France. L'alternativa è il commissariamento.

"Quella di Air France-Klm è l'unica proposta seria sul tavolo. L'alternativa è il commissariamento", ha spiegato. A quanto si apprende, gli assistenti di volo avrebbero incoraggiato il ministro ad andare avanti con i francesi.

Berlusconi: E' pronta la cordata. Intesa non si è ritirata
Se Intesa si è ritirata? "No, no, no". E' l'inequivocabile risposta che il leader del Pdl, Silvio Berlusconi, dà ai cronisti che gli chiedono se Intesa Sanpaolo non abbia intenzione di far parte della cordata di imprenditori italiani che potrebbero lanciare una proposta di acquisto su Alitalia alternativa ad Air France.

"Mi risulta in maniera inequivocabile che chiedono che sia data anche a loro al possibilità di avere una 'due diligence' per conoscere la realtà aziendale. Una possibilita' che a loro non è mai stata data", sottolinea l'ex premier.

Intesa SanPaolo, dopo le smentite di oggi, si è rifiutata di commentare le parole di Silvio Berlusconi sul fatto che la banca non non si sia ritirata.
Posted by 비회원

댓글을 달아 주세요

Roma | 13 febbraio 2008
Berlusconi da Vespa, boom di ascolti:"Via l'Ici, meno tasse e rifiuti. Casini si decida"
Silvio Berlusconi
 
현재 이탈리아 야당의 총수이며, 이탈리아 최고의 부자이면서 동시에 최고의 언론 재벌인 실비오 베를루스코니가 가장 영향력 있는 텔레비젼 토론 프로그램에 출연하여 자신의 정치적 입장을 피력하였다.
이 프로그램의 시청율은 거의 30%에 육박한 수치였다.
 
그는 이 자리에서 이번 총선에서 준비하고 있는 연정에 대한 의견과 더불어 세금 인하, 부동산 관련세 조정, 기업에 부과된 다양한 세금들에 대한 감면을 언급하면서 "이탈리아 국민들의 주머니에서 더 이상 돈을 가져가지 못하게 하겠다"는 선거에 임하는 입장을 밝혔다.
 
 

La prima intervista televisiva di Silvio Berlusconi per la nuova campagna elettorale fa record d'ascolti: ieri sera su Porta a porta su Raiuno in seconda serata si sono sintonizzati circa il 30% degli spettatori complessivi, con una media di 2 milioni 577 mila spettatori (share 29,29%). Questa sera tocca a Walter Veltroni.
Di nuovo nel salotto bianco
Berlusconi torna nel salotto di 'Porta a Porta' per la nella prima apparizione televisiva della campagna elettorale. In studio, Bruno Vespa gli fa trovare la stessa scrivania sulla quale nel 2001 firmo' il contratto in cinque punti con gli elettori. E il leader del Popolo della Liberta' non si sottrae alla promessa che, una volta a Palazzo Chigi, non solo "non mettera' le mani nelle tasche dei cittadini", ma fara' di tutto per ridurre la pressione fiscale.
Alleanze 
L'ex premier esclude "apparentamenti" con La Destra di Francesco Storace. Critica l'amico e consigliere Giuliano Ferrara per aver deciso "contro il mio parere" di presentare una lista contro l'aborto, spiegando che un simile tema non deve finire "nell'agone politico", ma dovrebbe semmai prendere la strada delle Nazioni Unite.
E' sull'Udc di Pier Ferdinando Casini, però, che Berlusconi concentra la sua attenzione: "I nostri elettori ci vogliono uniti e non capiscono divisioni e personalismi", è il suo primo affondo. L'ex premier chiede quindi di "non cadere negli errori del passato" e fa capire chiaramente che non vuole "correre ancora il rischio" di veder bloccata l'azione del suo governo da veti e controveti o, peggio, che venga messa in discussione la sua premiership prima del voto. Per questo chiede ai centristi di "rinunciare" al proprio simbolo, che tra l'altro "non ha una storia cosi' antica", seguendo l'esempio di An e Fi. Nel ricordare poi il suo "sforzo" di "concentrare 18 sigle" in un'unica lista, rinnova il suo invito agli elettori a "concentrare la fiducia" sul Pdl o sul Pd.
E poi, che fare?
La priorità del mio governo, spiega il Cavaliere, è certamente quella di risolvere la tragica emergenza rifiuti in Campania. Ma è alla riduzione delle imposte che dedica maggiore attenzione. Ribadisce di voler abolire l'Ici sulla prima casa ed annuncia che lo fara' nel primo Consiglio dei ministri sostenendo che la riduzione delle entrate per lo Stato sarebbe "assolutamente sostenibile". Insiste sul contenimento della spesa pubblica e critica la strategia fiscale del governo Prodi, sottolineando che "la ricerca estrema della lotta all'evasione, che certamente si deve fare, è stata fatta incutendo paura" e determinando di conseguenza un "calo dei consumi".
La sua ricetta è un'altra: ridurre la pressione fiscale per rilanciare i consumi. "Bisogna intervenire sugli stipendi" dei lavoratori dipendenti per "detassare gli straordinari, le tredicesime, le quattordicesime e togliere di mezzo le tasse inutili". Solo così, facendo pagare meno tasse, i cittadini saranno invogliati a pagare le imposte. Riserbo sulla composizione del governo (anche se promette un "rinnovamento" della classe dirigente con giovani e donne). Il Cavaliere si dice favorevole ad escludere dalla candidatura quei senatori che si sono macchiati di comportamenti poco consoni.

Superman
Berlusconi riconosce che andare al governo in una congiuntura simile è una "responsabilità enorme, ma ricorda anche - fra il serio e il faceto - che i suoi nipotini lo considerano "Superman". Ed anche se, aggiunge, "io non sono Superman, in certi settori lo sono stato....".
Berlusconi si ritiene anche "insostituibile" oltre che "sicuro di vincere" in aprile. Boccia le larghe intese dicendosi sicuro dell'ampia maggioranza del centrodestra, ma ripropone il dialogo sulle riforme dopo il voto. Insiste nel non riconoscere in Veltroni una novita', ricordando che è in politica da più anni di lui, e punta il dito sul fatto che il Partito democratico è stato socio di maggioranza del governo Prodi. Si dice favorevole a mettere un "plafond" sull'età dei politici, ma, naturalmente, non per lui: si sente "un trentacinquenne".
Finale amarcord
Berlsuconi torna alla scrivania su cui firmò il contratto con gli italiani e si dice "prontissimo" a sottoscriverne uno nuovo e sin d'ora promette che non mettera' "le mani nelle tasche degli italiani".
Posted by 비회원

댓글을 달아 주세요